SICILIA ORIENTALE: cosa vedere tra barocco natura e sapori

by Roberta
Tempo di lettura 8 minuti

La Sicilia racchiude tanti tesori che sarebbe impossibile vederli tutti in un’unica volta. 

Ti indicherò cosa vedere durante il tuo viaggio nella Sicilia orientale tra Barocco, natura e sapori che sono tra le tante eccellenze italiane.

Il mio intento non è quello di darti un itinerario fisso di cosa vedere in 5 o 7 giorni perché dipende tutto da quali sono le cose alle quali non rinunceresti mai, dal periodo del viaggio (se vai in estate il mare occuperà molto del tuo tempo), e soprattutto dai tuoi tempi, una cosa che non tutti considerano, ma che a mio avviso è fondamentale per apprezzare davvero una vacanza. 

Tornare a casa con la testa piena per le tante cose viste di corsa, una foto e via, senza fermarsi a mangiare una granita guardando il panorama in assoluto relax ad esempio, non è esattamente la vacanza ideale a mio avviso, a meno che tu non sia partita con lo scopo di avere un book fotografico per instagram.

Potresti voler dedicare più tempo ad alcune tappe e saltarne altre, ecco perché è importante affidarsi ad un consulente esperto quando si programma un itinerario di viaggio.

Il viaggio perfetto non esiste, esiste quello perfetto per te.

Questa la parte più bella del mio lavoro.

Entrare in sintonia con la mia cliente per capirne i desideri, le aspettative e creare per lei il viaggio memorabile che si aspetta, quello che avrà voglia di ricordare e di raccontare per molto tempo.

In questo articolo voglio darti più informazioni possibili in modo da non perderti nulla. Scrivimi se vuoi un viaggio tagliato su misura per te.

La città di arrivo più comoda è Catania, città che già da sola potrebbe essere un’ottima meta per un bel week-end.

Cosa vedere Sicilia Orientale:

Catania

Melior de cinere surgo“, “Rinasco dalla cenere più bella di prima”, scritto sulla Porta Garibaldi di Catania. 

Catania è stata distrutta insieme a tutta l’area della Val di Noto dal fortissimo terremoto del 1693 ed è grazie alla ricostruzione avvenuta dopo il sisma se adesso noi abbiamo la possibilità di ammirare questi capolavori del barocco.

In questo stile infatti  furono ricostruiti quasi tutti i palazzi nobiliari e le chiese cittadine.

Qui l’ architettura tardo-barocca è resa unica dall’uso della pietra lavica

Il centro storico di Catania è Patrimonio Unesco.

Piazza del Duomo con la splendida Cattedrale ( di fronte all’altare si trova la tomba di Vincenzo Bellini, musicista catanese di nascita),  “ O Liotru”, l’elefante di pietra lavica simbolo della città,  e la Piazza Università.

Elefante di pietra lavica simbolo di Catania
Sicilia Barocca
O Liotru – Catania

La splendida Via dei Crociferi, dove in soli 200 metri si trovano quattro chiese e una di queste si collega al famoso Monastero di S. Benedetto, reso noto dal romanzo di Verga “Storia di una Capinera”. 

Se vuoi assaporare la vivacità dei suoi mercati  due sono quelli più famosi, la storica “Piscaria”, antico e coloratissimo mercato del pesce, e la “Fera ‘o Luni”, un mercato che si svolge ogni giorno e dove trovi ogni genere di merce.

Per assaporare appieno l’atmosfera catanese dopo aver mangiato i famosi arancini fatti con riso e ragù, classico street food del luogo, puoi dedicarti ad altri piatti tipici in una delle tante trattorie di Catania o dei paesi vicini.

Crispelle, frattaglie, carciofi arrostiti in stagione, pasta alla Norma, pasta con le sarde, caponata.

E per chiudere in bellezza una cassata o un cannolo alla ricotta, una brioche con la granita, gli Iris, che sono dei bomboloni mignon, fritti e ripieni con creme varie, o le deliziose olivette di Sant’Agata fatte con la pasta di mandorle.

Etna

L'Etna il vulcano attivo più alto in Europa.
Sicilia Barocca
Etna – Sicilia

L’ Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa ed è Patrimonio UNESCO, un’escursione ai crateri silvestri (coni vulcanici inattivi risalenti al 1888, circondati da colate laviche più recenti) è un’esperienza molto particolare.

Alcune escursioni non prevedono lunghe camminate.

Si svolgono a tappe, si arriva con la jeep vicino al luogo di interesse naturalistico e poi si prosegue per la tappa successiva sempre con la jeep.

Un’esperienza più impegnativa è l’Etna trekking dove una parte si effettua a piedi.

E’ richiesto un abbigliamento adeguato per via dell’escursione termica che è di circa 15°C in inverno e 10°C in estate. 

In alternativa c’è un giro panoramico più comodo con la Ferrovia Circumetnea che gira intorno all’anello inferiore del vulcano.

Per fare di un’esperienza un’esperienza memorabile mi piace accostare un cibo tipico, qui ti consiglio una degustazione di miele dell’Etna in una delle numerose aziende locali.

Pernottare in un wine resort, sulle pendici dell’Etna potrebbe essere un’altra bellissima esperienza. Una zona di vigneti autoctoni quali il Nerello Mascalese, il  Nerello Cappuccio e il Carricante e magari organizzarti una degustazione di vini.

Gole Dell’Alcantara

Gole dell'Alcantara, canyon di origine vulcanica.
Sicilia Barocca
Gole dell’Alcantara – Sicilia

Le Gole dell’Alcantara sono una tappa naturalistica stupenda.

E’ un canyon di origine vulcanica dove si possono fare molti sport tra i quali trekking, canyoning e anche river tubing.

Taormina

Un panorama del golfo di Naxos da Taormina
Sicilia Barocca
Vista del golfo da Taormina – Foto di Lorenzo Ravidà da Pixabay

Città turistica da sempre, fino al 1968 fu una destinazione prettamente invernale.

Non perderti una passeggiata dal Duomo al Teatro Greco-Romano, per godere di un panorama mozzafiato sul golfo di Naxos. Un po’ di acquisti del meraviglioso artigianato locale per fare di una giornata normale, una giornata meravigliosa!

Cosa vedere Sicilia Sud Orientale:

Siracusa

Cicerone la definì la più grande e bella città della Magna Grecia. Dal 2005 insieme alla necropoli di Pantalica è stata dichiarata Patrimonio UNESCO ed è una tappa da vedere nella Sicilia orientale

E’ una città di mare che conserva ovunque le testimonianze del suo passato, un mix spettacolare di stili, dal barocco al greco e al romano.

Al Parco Archeologico della Neapolis è possibile ammirare lo splendido Teatro Greco, l’Anfiteatro Romano, le Latomie del Paradiso (cave di pietra o di marmo) e il famoso Orecchio di Dionisio.

Orecchio di Dioniso – Siracusa – Sicilia orientale

Una grotta artificiale nella grande latomia del Paradiso, al cui interno si manifesta un fenomeno acustico incredibile, basta bisbigliare una parola e l’eco la amplifica tantissimo.

Si narra che Dioniso il Grande, tiranno di Siracusa, lo usasse per nascondersi e ascoltare cosa dicevano i suoi prigionieri.

Ortigia

Ortigia è l’antico centro storico della città.

Meritano una visita i sotterranei, un percorso che dalla Piazza del Duomo va alla Marina con una galleria principale e una serie di gallerie minori.

Fonte Aretusa Ortigia
Sicilia barocca
Fonte Aretusa – Ortigia Siracusa

Fonte Aretusa è uno specchio d’acqua dolce accanto al mare che ricorda il famoso mito greco della ninfa Aretusa e di Alfeo.

E’ l’unico posto in Europa dove cresce il papiro selvatico.

Noto

Considerata Capitale del barocco siciliano, Noto è Patrimonio UNESCO dal 2002 è tra le perle da vedere nella Sicilia orientale.

L’intera città chiamata “giardino di pietra” è uno scrigno di tesori d’arte.

Il Duomo, la Chiesa di Santa Chiara, la Porta Reale, il Palazzo Ducezio, il Palazzo Nicolaci Villadorata e a molti altri splendidi edifici.

Particolare barocco di un balcone nella famosa Via Nicolaci a Noto
Sicilia Barocca
Particolare balcone Via Nicolaci Noto – Sicilia orientale

Non perdere il terzo fine settimana di Maggio l’infiorata il “Saluto alla Primavera” in Via Nicolaci. Un evento che da oltre trent’anni colora la via di opere d’arte riprodotte con i petali dei fiori e che attira ogni anno tantissimi visitatori.

L’ esplorazione del Golfo di Noto può proseguire con il suo mix di spiagge, natura e arte.

Riserva di Vendicari

Vicino si trova la città di Avola, celebre per le mandorle e per il vino nero d’Avola.

Riserva faunistica di Vendicari
Sicilia Barocca
Riserva faunistica di Vendicari – Sicilia orientale

L’Oasi faunistica di Vendicari è un angolo di natura incontaminata, qui è possibile fare birdwatching perché è abitata da fenicotteri, aironi e cicogne. 

Per la visita della Riserva di Vendicari è consigliato un abbigliamento comodo.

Da dove si lascia l’auto ci sono circa 30 minuti di cammino per arrivare, e da lì, con un’ulteriore camminata di una cinquantina di minuti, raggiungere la spiaggia di Calamosche, una splendida caletta incastonata tra le dune con il fondale digradante.

Marzamemi

Leggermente più lontano da Noto, è possibile visitare i borghi di Marzamemi e Portopalo di Capopassero uno dei comuni più a sud di tutta Italia.

La famosa piazzetta a Marzamemi.
Sicilia Barocca
La piazzetta a Marzamemi – Foto di Peter H da Pixabay

La storia del borgo di Marzamemi ruota intorno alla sua tonnara risalente alla dominazione degli Arabi. Nel 1630 fu acquistata dai Villadorata che ne fecero uno dei centri più importanti in Italia per la lavorazione del tonno. Oggi è un monumento di archeologia industriale.

Oggi è uno dei posti più noti dell’intera isola grazie alla sua piazzetta, forse l’angolo in assoluto più fotografato e di tutta la Sicilia.

Portopalo di Capopassero

Portopalo di Capopassero è un piccolo borgo che fa da spartiacque tra il Mar Ionio e il Mar Mediterraneo. Il faro posto sull’Isola delle Correnti guarda i due mari.

La tonnara di Portopalo
La tonnara di Portopalo- Sicilia orientale

Questo tratto di costa siciliano accontenta tutti i gusti in fatto di mare, sia chi ama la spiaggia sia chi preferisce un litorale più roccioso. Playa Carratois è l’ideale per la sabbia fine, chiara e una mare cristallino. Vicino alla tonnara si trova Scalo Mandrie, una spiaggia con fondale basso che digrada dolcemente.

L’ Isola di Capo Passera ha una parte di litorale frastagliato.

Sicilia Sud Orientale:

Ragusa – Ibla

Panorama di Ragusa
Sicilia Barocca
Panorama di Ragusa – Sicilia orientale

Ragusa si trova nel cuore della Valle di Noto ed è divisa in Ragusa Superiore e Ragusa Ibla.

Le due parti sono collegate dalla scalinata di Santa Maria, ben 242 scalini e lungo il percorso si possono ammirare bellissimi scorci sulle due parti della città.

Sei appassionata del Commissario Montalbano?

Ti sembrerà di conoscere questi posti perché proprio qui sono state girate molte scene della serie tv ispirata ai romanzi di Camilleri.

Nei dintorni di Ragusa merita una visita il Castello di Donna Fugata.

Un antico palazzo nobiliare dove è possibile visitare una ventina delle 120 stanza totali, finemente arredate in stile neo gotico per fare un salto nel passato all’epoca del “Gattopardo”.

PS: Volendo si può iniziare anche il percorso da questa parte arrivando all’aeroporto di Comiso.

Modica

Non può mancare una visita di Modica che arroccata sulla collina sembra un piccolo presepe. Famosa per la sua cioccolata modicana preparata con tecniche antiche, offre moltissime altre prelibatezze dolci quali le cassate, i mustazzola (biscotti preparati con miele e mandorle), i mucatoli (biscotti ripieni di frutta secca), gli ‘mpanatigghi ( calzoni dolci con carne)

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre informata e per non perderci di vista !

Ho letto e accetto i termini e le condizioni

21 comments
0

guarda anche

21 comments

Alice 22 Febbraio 2021 - 12:16

Non sono mai stata in Sicilia (e me ne pento), ma dalla tua foto di copertina ho subito riconosciuto Marzamemi che è nella mia bucket lista da un annetto, ormai! Terrò in considerazione la tua guida, chissà che quest’estate non riuscirò a fare un tour della Sicilia?

Reply
Cristina Petrini 23 Febbraio 2021 - 09:40

La Sicilia verace, questa Sicilia, indubbiamente è quella che più di tutte mi intriga e mi affascina. Sono stata ahimè ormai troppo anni fa in questa magica regione e tornarci vorrebbe dire per me farlo in modo consapevole e strutturato, un itinerario barocco non mi dispiaceva ed ora ho un’indizio ed idea su come farlo…

Reply
Roby Calderini 23 Febbraio 2021 - 17:09

Grazie a te per avermi letto, ti aspetto per i prossimi itinerari, ciao

Reply
Maria Domenica 24 Febbraio 2021 - 11:09

Che meraviglia aver potuto fare, se pur solo virtualmente, questo viaggio in Sicilia. Tutti i luoghi citati e mostrati presentano una straordinaria bellezza e storia. Ti devo ringraziare per avermi aiutato a risolvere un mistero. Da tempo vedevo circolare sul web la foto di una piazzetta. Ora ho scoperto che si tratta della piazzetta di Marzamemi.
Maria Domenica

Reply
Roby Calderini 24 Febbraio 2021 - 13:53

Sono contenta di esserti stata d’aiuto.

Reply
M.Claudia 26 Febbraio 2021 - 17:17

Sarei dovuta partire per la Sicilia l’anno scorso. Ma purtroppo é saltato tutto, mi conservo questa tua utile guida, con la speranza di poter riprogrammare il viaggio il prima possibile.

Reply
Veronica 27 Febbraio 2021 - 20:56

Pur essendo siciliana, ho visitato solo una volta questa zona di Sicilia. Anche se questo (o più probabilmente il prossimo) anno, mi sono ripromessa un bell’on the road della mia terra.

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:30

Speriamo davvero che si possa ripartire presto, la Sicilia merita tantissimo

Reply
Martina Vitale 27 Febbraio 2021 - 21:07

COVID permettendo dovrebbe essere la metà delle vacanze di quest’estate… mi hai dato un sacco di dritte grazie!

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:27

Ne sono felice, buona vacanza allora!

Reply
Samogin Sabina 27 Febbraio 2021 - 22:43

Che meraviglia! Catania, Siracusa, Marzamemi e Ragusa Ibla, è un bel po’ che voglio visitarle, organizzerò, spero presto, un road tour con tutte queste tappe che suggerisci, una meglio dell’altra.

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:28

Si e ce ne sono anche altre di località da vedere, magari scrivo un altro articolo con qualche altra idea.

Reply
Zelda 28 Febbraio 2021 - 13:58

Sarei dovuta tornare in questo periodo, ma è saltato purtroppo..grazie per questa guida interessante!

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:26

Grazie a te Zelda, speriamo che si possa riprogrammare presto la partenza.

Reply
Manuela 28 Febbraio 2021 - 15:53

È un po’che pensiamo di visitare la Sicilia ci ha sempre fermato la lontananza ma ci ha sempre affascinato, da quale parte della Sicilia ci consigli iniziare? Con noi ci sono due ragazzi di 14 e 7 anni.

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:25

Ciao Manuela, immagino che l’idea sia quella di andare in estate. La Sicilia ha bellissime spiagge un po’ dappertutto ma sicuramente per i ragazzi poter inserire anche escursioni alle gole dell’alcantara può essere molto interessante, così come escursioni guidate sull’Etna che sicuramente per questa estate avrà finito di deliziarci con le sue eruzioni. Io inizierei proprio dalla Sicilia orientale.

Reply
elenalugo re 28 Febbraio 2021 - 16:21

Senza parole. così, di solito mi lascia la Sicilia, Cu sono alcune zone che mi mancano, Marzamemi, ad esempio e Ragusa. Le foto, veramente: spettacolari. Grazie, molto suggestionante questo articolo, mi sono riempita gli occhi di Sicilia, chissà che non possa visitarla presto!

Reply
Roby Calderini 28 Febbraio 2021 - 16:26

Grazie a te Elena

Reply
Lucy 28 Febbraio 2021 - 17:50

Io adoro la Sicilia da quando ero bambinoa e il mio più grande sogno è quella di visitarla un giorno Per cui spero che si possa tornare a viaggiare presto
Amò sia sotto l’aspetto paesaggistico che sotto l’aspetto culinario ha veramente tanto tanto da offrire a chi va a visitarla

Reply
Monica 28 Febbraio 2021 - 23:23

Articolo prezioso e ti ringrazio, avevo prenotato per dicembre ma ho dovuto posticipare. Ora grazie al tuo articolo ho un’idea più chiare su cosa vedere. Non vedo l’ora di poter confermare la mia prenotazione in questa isola meravigliosa.

Reply
Cristina Giordano 1 Marzo 2021 - 16:57

Ciao ho rivisto con piacere questi luoghi a me cari alla memoria, oltre la metà già li ho visitati ma tornerei volentieri per gli altri in Sicilia

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.